LOGO DEL COMUNE DI CASTELLANA GROTTE

COMUNE DI

CASTELLANA GROTTE

La storia dItalia Puglia2018Martedì 22 maggio, alle ore 19:00, nella Sala delle Cerimonie del Palazzo Comunale di Castellana Grotte, in via Marconi n. 9, parte la nona edizione degli incontri “La Storia d’Italia vista dalla Puglia”, la rassegna organizzata dall’Amministrazione Comunale, in collaborazione con le associazioni Fuoriluogo, Pivot, CCS Marco Lanera, La forbice e Ipsaic.
Il primo appuntamento è dedicato ad una delle figure principali della cultura meridionale, Gaetano Salvemini, intellettuale meridionalista, venuto a mancare nel 1957, e del quale ricorrevano i 60 anni dalla morte lo scorso anno. Interverranno nel corso della serata il professor Aldo Muciaccia, che in occasione di tanti incontri tenuti nelle scuole pugliesi, ha realizzato una presentazione interessantissima e fluida sulla questione meridionale, ricca di documenti storici molti dei quali inediti, dove emerge dominante la figura di Salvemini. Insieme con lui il prof. Vito Antonio Leuzzi, direttore dell’Ipsaic.
La Seconda serata si terrà lunedì 4 giugno, sempre alle 19:00 sul Palazzo Comunale, e verterà sul tema: “Il meridionalismo e la Repubblica, temi e protagonisti pugliesi alla Costituente”. Anche in questa serata interverrà il prof. Leuzzi insieme al ricercatore Ipsaic Raffaele Pellegrino, curatori del volume “La comunicazione politica alle origini della Repubblica”, Edizioni dal sud. Sarà l’occasione di unire i 70 anni dell’entrata in vigore della Costituzione, il 2 giugno, Festa della Repubblica, gli inediti di Aldo Moro alla Costituente, oltre ai 40 anni dalla morte dello statista, celebrati in tutt’Italia il 9 maggio scorso.
Agli incontri che presenteranno Antonino Piepoli e Mino Cardone porteranno il loro saluto l’On. Ubaldo Pagano, il sindaco Francesco De Ruvo, il Presidente del consiglio comunale Emanuele Caputo, gli assessori Franca de Bellis e Giovanni Sansonetti, Federico Simone, presidente del circolo Pivot, Antonio Fanizzi, presidente del CCS Marco Lanera e Marisa Clori, vice presidente di Fuoriluogo.

CI ELETIl Comune di Castellana Grotte dal 16 maggio 2018 ha iniziato a rilasciare la Carta d’Identità Elettronica (CIE).
La Carta d’Identità Elettronica è l’evoluzione del documento d’identità in versione cartacea, con le stesse dimensioni di una carta di credito e della tessera sanitaria ma con requisiti di sicurezza e anticontraffazione (microchip, impronte digitali, ecc.).
Ai sensi dell’art. 3 del T.U.L.P.S., emanato con Regio Decreto n. 773/1931 è prevista la facoltà del cittadino maggiorenne di indicare il consenso o il diniego alla donazione di organi e/o tessuti in caso di morte.

COME RICHIEDERLA

Presentandosi all’Ufficio Anagrafe del Comune in Via G. Marconi n. 9.
Il cittadino dovrà previamente munirsi di una fototessera, in formato cartaceo o elettronico su supporto USB. La fototessera dovrà avere le stesse caratteristiche di quelle già utilizzate per le carte cartacee e per il passaporto.
 È consigliabile, all’atto della richiesta, esibire la tessera sanitaria al fine di velocizzare le attività di registrazione.
Il cittadino riceverà la CIE all’indirizzo indicato entro 6/10 giorni lavorativi dalla richiesta, per cui si consiglia di controllare la scadenza del documento in possesso, provvedendo al rinnovo con anticipo.

QUANDO RICHIEDERLA

La nuova Carta di Identità Elettronica si può richiedere esclusivamente nei seguenti casi: primo rilascio; smarrimento o furto della carta d'identità in corso di validità, previa presentazione della relativa denuncia; deterioramento della carta d'identità in corso di validità, previa verifica del relativo stato da parte dell'Ufficiale di Anagrafe; o scadenza della carta d'identità (il rinnovo può essere effettuato a partire da 180 giorni prima della scadenza prevista).
Non è necessario rinnovare la carta di identità in occasione di cambi di indirizzo e di residenza.

DURATA

La durata della validità del documento varia a seconda dell'età del titolare: 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni; 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni; 10 anni per tutti i cittadini maggiorenni.

QUANTO COSTA

Il rilascio della Carta di identità elettronica comporta un costo di € 22,21 (di cui € 16,79 per costi di gestione e spedizione da parte dello Stato ed € 5,42 per diritti fissi e di segreteria del Comune). Prima di avviare la pratica di rilascio, il cittadino deve aver effettuato il pagamento presso il Tesoriere comunale, Banca Popolare di Bari, o per cassa allo sportello o con bonifico bancario IBAN IT20C0542404297000000000520, intestato a Comune di Castellana Grotte - causale del versamento “Costo per rilascio carta di identità elettronica”.
In caso di furto o deterioramento o rettifica dati anagrafici, il costo per ottenere il rilascio è di € 27,37 (di cui € 16,79 per costi di gestione e spedizione da parte dello Stato e € 10,58 per i diritti fissi e di segreteria del Comune).

Per quanto riguarda la carta d’identità in formato cartaceo, la circolare n. 4 del 2017 del Ministero dell’Interno stabilisce che è possibile richiederla soltanto nei casi di reale e documentata urgenza, per motivi di salute, viaggio, consultazione elettorale, partecipazione a concorsi o gare pubbliche e quando il cittadino è iscritto nell’anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE).
Per ogni informazione e chiarimenti:
tel: 080 4900210 - 216 – 215 - 214
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ValenteImpegnare il sindaco e la giunta municipale a dare seguito alla realizzazione di un piano progettuale di progresso culturale del territorio in materia di “tutela e benessere animale” e “promozione del turismo animalista”: “Castellana Grotte, Comunità Turistica Animal Friendly” è l’innovativa, esaustiva ed armonica mozione approvata all’unanimità dal consiglio comunale su proposta dei consiglieri di maggioranza Francesco Valente, Emanuele Caputo (presidente del Consiglio Comunale), Maria Filomeno, Pasquale Longobardi, Domenico Quaranta, Davide Sportelli, Emilio Sansonetti, Patrizia Caforio, Antonella Manghisi e Teresa Taccone.
Ben ventuno i punti del provvedimento illustrato dal vice presidente del consiglio Francesco Valente nel corso dell’ultima seduta della massima assise cittadina:
1. Costituzione di un “tavolo di concertazione” tra l’assessorato al randagismo di Castellana Grotte e quello dei paesi viciniori, al fine di disegnare una strategia comune di intervento, in materia di lotta al randagismo e prevenzione degli abbandoni.
2. Studio di fattibilità e allestimento del Canile Sanitario nella sede della scuola rurale di via Vecchia per Conversano, in territorio di Castellana Grotte o in altra sede eventualmente più consona dal punto di vista logistico e gestionale, eventualmente più conveniente in termini di costi e manutenzione.
3. Istanza di richiesta ufficiale, presso l'ASL Bari e gli uffici appositi della Regione Puglia, Servizi Veterinari, di un presidio medico veterinario costante sul territorio con la presenza di specialisti ambulatoriali, una volta completata l'opera di allestimento del canile sanitario, così come esistente nei paesi viciniori come Putignano, Monopoli, Conversano.
4. Promozione di manifestazioni a favore della applicazione dei microchip sottocutanei, a scopo identificativo, ai cani di proprietà, con incentivazione economica (applicazione gratuita) e con il coinvolgimento del personale veterinario Asl e dei liberi professionisti sul territorio; con la collaborazione e il coinvolgimento delle associazioni animaliste, che ne volessero fare parte integrante, al fine di una sistematica prevenzione degli abbandoni.
5. Collaborazione sistematica e costante con le associazioni animaliste presenti sul territorio al fine di costituire un protocollo di intervento sistematico e programmato con Polizia Municipale, ASL e Amministrazione Comunale.
6. Educazione civica e istruzione igienico sanitaria nelle scuole sul problema randagismo, come previsto dalla Legge Regionale N°34/2006; sul mantenimento e l'allevamento domestico degli animali da compagnia, sulla gestione dei cani di proprietà, al guinzaglio e a stabulazione libera, sul territorio comunale e relative informazioni su sanzioni, in presenza di violazione di legge. Campagne informative sul tema randagismo e tutela animale.
7. Incentivazione delle iniziative, pubbliche o di iniziativa privata, volte alla diffusione della conoscenza, sul territorio comunale, della Pet Therapy, a favore di disabili, anziani, bambini e persone con particolare condizione di disagio.
8. Rispetto delle principali norme sulla detenzione degli animali non sterilizzati da parte dei privati, soprattutto di quelli abitanti in periferia, attraverso un censimento con controllo e mappatura dei cani di proprietà interi (non sterilizzati) e senza apposita recinzione di contenimento. Con la collaborazione delle associazioni animaliste e della Polizia Municipale nonché di tutte quelle forze pubbliche o private che vogliano collaborare in regime di volontariato.
9. Tavolo di concertazione tra Comune e ASL, Servizio Veterinario, per l'incentivazione della sterilizzazione dei cani e dei gatti randagi, con l'utilizzo dei sovvenzionamenti regionali.
10. Incentivazioni alle adozioni e alle sterilizzazioni dei cani di proprietà, maschi e femmine, con premialità ed agevolazioni, da stabilire, per i proprietari; eventuali convenzioni con liberi professionisti, medici veterinari sul territorio, qualora il Servizio Sanitario Veterinario della Asl di riferimento non dovesse essere sufficiente a ricoprire la portata degli interventi chirurgici.
11. Concessione della compravendita di animali vivi, come da normativa vigente, in occasione di fiere comunali, provinciali, regionali, nazionali e internazionali, sul territorio comunale, per la mostra e il commercio di animali di affezione e d'allevamento. Espresso divieto di messa in palio in lotterie ad estrazione e giochi a premi, in fiere, feste locali, manifestazioni ludiche, sul territorio di Castellana Grotte, di animali vivi, di affezione e da reddito.
12. Installazione delle “casette di protezione e cura”, nel sito della colonia felina, in territorio delle Grotte di Castellana, già allestite dai volontari senza oneri di spesa per il Comune, al fine di tutelare la fauna felina, sterilizzata e vaccinata, identificata e riconosciuta ufficialmente dalla ASL BA, nel rispetto delle norme sanitarie vigenti in materia di sanità umana e animale, con destinazione da pattuire tra volontari animalisti, servizio veterinario ASL e amministrazione comunale, intesa come Sindaco e Giunta nonché dal CDA della “Grotte di Castellana srl”.
13. Esenzione della tassa di soggiorno per i proprietari di animali che alberghino in strutture di accoglienza turistica (B&B, Alberghi, ecc...) che concedano la permanenza a turisti accompagnati da animali di cui possano certificarne la proprietà, la provenienza e l'iscrizione ad anagrafe apposita ove prevista (cani, gatti, cavalli, furetti, volatili). Esenzione per il solo proprietario ufficiale.
14. Identificazione con simbolo “Castellana Grotte, Città Turistica Animal Friendly” per le strutture ricettive che accolgano turisti con animali al seguito.
15. Contributo economico, simbolico e a cadenza annuale, alle associazioni animaliste che dimostrino, previa attestazione di corretta iscrizione e registrazione, ex lege, costante attività, documentata con foto, documentazioni cliniche e certificazioni di adozione, sul territorio, in materia di prevenzione del randagismo, tutela e benessere animale.
16. Studio di fattibilità per la realizzazione di un "Dog Park", per cani di proprietà, nella esistente zona verde alberata, pubblica, in s.c. Rosatella, previa opportuna formulazione di un regolamento di gestione, manutenzione e affidamento a privati, senza spese per le civiche casse.
17. Proposta di convenzione, con la “Grotte di Castellana srl”, per la realizzazione, l'installazione o l'adattamento di una struttura preesistente, di uno stabulario, custodito e al coperto, per l'accoglienza di animali da compagnia al fine di tutelarne la permanenza durante la visita turistica, in grotta, dei rispettivi proprietari, utilizzando locali già esistenti o creandone esternamente idonei prefabbricati, nel rispetto delle norme ambientali e paesaggistiche. Con opportuno rilascio e deposito cauzionale di documentazione relativa alla proprietà legale dell'animale da parte del tutore e giusto compenso per il servizio erogato.
18. Distribuzione nel centro abitato e in zona turistica “Grotte” di dispositivi per la raccolta e lo smaltimento delle deiezioni solide dei cani di proprietà.
19. Rispetto delle normative in materia di igiene pubblica e applicazione di sanzioni, ex lege, per tutti i proprietari di animali domestici che non osservino le principali norme in materia di raccolta delle deiezioni solide e detersione di quelle liquide quando queste ultime siano cosparse su suoli pubblici, angoli delle costruzioni e monumenti, superfici non assorbenti e di calpestio pubblico, esclusi ovviamente terreni e sterrati.
20. Obbligo, pena severe sanzioni, per i cittadini e per le associazioni di volontariato, di mantenere costante pulizia e decoro degli ambienti in cui si somministra cibo, senza abbandono di ciotole, vettovaglie, piatti e contenitori di plastica; preferendo, quando possibile, zone periferiche, lontane da traffico urbano, istituti sanitari e ospedali, scuole, luoghi di ritrovo culturale, religioso, sportivo.
21. Educazione alla valorizzazione del “rapporto ancestrale” tra gli allevatori e i grandi animali da reddito o da compagnia: a) indicazione al "giusto lavoro" per gli animali da "calesse", finalizzata all'utilizzo non oltre le 5 ore consecutive e al limite del 150% del massimo peso trainabile; b) regolarizzazione della documentazione di abilitazione dei mezzi "rotabili" annessi ad animali da traino, sul suolo pubblico; c) pronta raccolta delle deiezioni solide sul suolo urbano ed extraurbano stradale.

COM psNei giorni scorsi il sindaco dott. Francesco De Ruvo, con apposito decreto, ha proceduto alla nomina della Commissione Comunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo per il triennio 2018 – 2020, così come predisposto dal locale ufficio SUAP.
L’organismo, è composto dal sindaco, cui sono attribuite le funzione di presidente, dal Comandante del Corpo di Polizia locale Cap. Avv. Oronzo Cisternino, dal dirigente medico della ASL Ba - Igiene e Sanità pubblica Area Sud, territorialmente competente per la Città di Castellana Grotte dott. Angelo Ancona, dal dirigente dell'Ufficio Tecnico Comunale arch. Marcella Marrone, dal comandante provinciale dei Vigili del Fuoco o suo delegato, dall’esperto in Elettrotecnica, Ing. Onofrio Spinosa, dall'esperto in Acustica ing. Luca Ghiarappa.
I compiti e le funzioni della Commissione in questione, sono dettati dal nutrita normativa di settore e in particolare dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza che in particolare sono rivolte a verificare la solidità e sicurezza dei locali e luoghi sede di pubblico intrattenimento e spettacolo. La Commissione Comunale, esprime il parere sui progetti di nuovi teatri e di altri locali o impianti di pubblico spettacolo e trattenimento, ovvero di sostanziali modificazioni di quelli esistenti. Verifica le condizioni di solidità, di sicurezza e di igiene dei locali stessi o degli impianti. Indica le misure e le cautele ritenute necessarie sia nell’interesse dell’igiene che della prevenzione degli infortuni.
Nell’atto emanato si dispone, inoltre, che in presenza di particolari dotazioni tecnologiche degli impianti, da verificare, e/o di locali che comportino, per il tipo di attività esercitata, un particolare impatto acustico, ove sono richieste specifiche professionalità non presenti nella Commissione,  la stessa può essere integrata con altri tecnici, di volta in volta. Infine qualora la verifica riguardi un impianto sportivo, la Commissione sarà integrata con un rappresentante del CONI, con funzioni consultive.

Approvato nell’ultima seduta di consiglio comunale il rendiconto di gestione dell’esercizio 2017 del Comune di Castellana Grotte. La massima assise cittadina presieduta da Emanuele Caputo ha quindi dato il via libera all’importante documento contabile.
A relazionare sul punto è stato l’assessore al bilancio Franca de Bellis che ha mostrato l’azione dell’amministrazione e dell’apparato tecnico attraverso la quale hanno agito per tradurre gli obiettivi generali contenuti negli atti di indirizzo in altrettanti risultati. “Come conseguenza di ciò – ha rimarcato la de Bellis – la relazione espone, misura e valuta proprio i risultati raggiunti nel medesimo intervallo di tempo. Ed è proprio in questo contesto che viene analizzato ogni singolo programma indicandone il contenuto finanziario e il grado di realizzazione finale. Il conto del bilancio d’esercizio 2017 si chiude con un avanzo di amministrazione pari a euro 2.356.306,08. Detto avanzo è stato poi accantonato per 1.901.347,03 euro, vincolato per 186.019,91 euro e destinato agli investimenti per 263.908,25 euro. La gestione finanziaria si è svolta in conformità ai principi ed alle regole previste in materia di finanza locale. Questo ente ha rispettato il pareggio di bilancio per l’anno 2017, come risulta dalla certificazione inviata alla Ragioneria Generale dello Stato che stabilisce il comune di Castellana Grotte come un ente non deficitario”.
Nel corso della seduta è stato approvato anche il Documento Programmatico di Rigenerazione Urbana del comune di Castellana Grotte ai sensi dell’articolo 3 della legge regionale numero 21/2008. Ad illustrare il punto è stato il vice sindaco e assessore all’Urbanistica Luisa Simone.
All’unanimità approvata anche l’importante mozione presentata da tutti i consiglieri di maggioranza e illustrata dal vicepresidente del consiglio Francesco  Valente, con la quale il sindaco Francesco De Ruvo e la sua giunta si impegnano a dare seguito alla realizzazione di un piano progettuale di progresso culturale del territorio in materia di “tutela e benessere animale” e “promozione del turismo animalista”.